fbpx

Massaggio sportivo per riattivare la circolazione

Il massaggio sportivo promuove la flessibilità dei tessuti impegnati nell’attività sportiva ma è consigliato, oltre che agli atleti, anche a coloro che fanno un po’ di jogging o per coloro che eseguono lavori di forza fisica.

Si esegue attraverso manovre localizzate che ristabiliscono una generale plasticità ai tessuti aiutandone la flessibilità e, quindi, di conseguenza il movimento.

I movimenti di questo tipo di massaggio andranno a stimolare i muscoli e lavoreranno sui vasi sanguigni e il sistema linfatico, incoraggiando i muscoli al movimento e in caso di infortuni, alla ripresa del movimento che è stato compromesso, poiché ridà vigore al muscolo, appunto.

sanywell

Il massaggio allunga i fasci di fibre muscolari longitudinalmente e lateralmente, una tecnica che aiuta la presenza del tessuto cicatriziale essendo il risultato di lesioni o traumi portando   i tessuti a diventare più rigidi e ad essere più soggetti a danni e dolore.

Il massaggio sportivo agisce proprio come stimolante ed elasticizza i muscoli.

Questo tipo di manipolazione va a favorire la micro-circolazione, facendo aumentare il flusso di sangue poiché dilata   i vasi sanguigni estendendoli.

Il non plus ultra sia per preparare, quindi, il corpo alla sessione di sport sia per terminare, in relax, l’allenamento prescelto.

Le manovre sono a volte coadiuvate da movimenti clonati da altre tecniche, come la svedese o lo shiatsu, che sono in grado di “risvegliare” le miofibrille e aumentare la plasticità dei tessuti.

Il massaggio sportivo rinvigorisce anche la circolazione sanguigna e linfatica, quindi aiuta a drenare i tessuti. Tutte le info: www.aifi.net.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *