Sport

Paratleti: come interviene lo sport sul benessere

La ricerca contemporanea afferma che lo sport agonistico aumenta le condizioni di benessere per i paratleti, non solo non rilevando differenze significative se comparate allo sport agonistico nei comuni atleti, ma rilevando altresì una maggiore soddisfazione e risultati competitivi migliori.

A divulgare gli studi su come lo sport agonistico favorisca il benessere nei paratleti, la rivista Frontiers in Psychology: “Due studi ( Horvat et al., 1989 ; White e Croce, 1992 ) non hanno riportato alcuna differenza significativa tra le due popolazioni atletiche per gli affetti a lungo termine attraverso rabbia, ansia, confusione, tensione o vigore”.

Essere impegnati in un’attività fisica regolare e strutturata, come la partecipazione sportiva, è un modo essenziale per adattarsi e affrontare la disabilità.

eCommerce Farmad

paratleti

Inoltre,  gli atleti disabili noti anche come paratleti subiscono una serie unica di fattori di stress che influenzano profondamente il processo di formazione di una nuova identità come l’accesso fisico , barriere comunicative o economico-finanziarie, atteggiamenti discriminatori e umilianti e coaching non professionale .

In poche parole praticare sport può portare a una migliore inclusione e, quindi, a una maggiore accettazione di sé e all’accettazione sociale, in questa specifica popolazione.

La disabilità può essere definita come “una difficoltà nel funzionamento a livello corporeo, personale o sociale, in uno o più domini, sperimentata da un individuo con una condizione di salute in interazione con fattori contestuali” si scrive in Frontiers in Psychology. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), una persona con disabilità può essere definita come una persona che ha “un problema nella funzione o nella struttura del corpo, una limitazione dell’attività” e/o “una difficoltà nell’esecuzione di un compito o di un’azione; con vincolo di partecipazione”.

paratleti

Le persone con disabilità rappresentano un’ampia porzione della popolazione generale, attualmente oltre 1 miliardo di persone in tutto il mondo. 

Devono far fronte a ostacoli e barriere (strutturali o percepiti) che ostacolano la loro piena partecipazione alla società e l’impegno nelle attività quotidiane.

L’inclusione dei para – atleti è cresciuta negli ultimi anni, con eventi paralimpici che hanno attirato una quota significativamente maggiore di paratleti, da quando il primo evento sportivo (“Silent Games”) ebbe luogo nel 1924, a Parigi, coinvolgendo 148 atleti disabili provenienti da pochi Paesi europei.

 Inizialmente concepito come uno sport riabilitativo, basato sulla visione del Dr. Ludwig Guttmann, lo sport inclusivo si è gradualmente spostato verso lo sport ricreativo e agonistico.

 Nel 1960 fu organizzata la prima edizione dei Giochi Paralimpici.

Nonostante ciò, i para – atleti rimangono significativamente messi da parte nella comunità sportiva e nella copertura da parte dei mass media e dei social media  secondo gli studi di Wolbring e Martin, 2018 .

 Nella letteratura accademica esistente, i paratleti  sono drammaticamente sottorappresentati rispetto alle loro controparti normodotate, con una significativa carenza di dati e prove disponibili riguardanti il ​​loro benessere e la qualità della vita, determinanti della fatica e dei risultati prestazionali, nonché programmi e strategie di allenamento ottimali e protocolli di riabilitazione.

Leggi anche:  Campagna #OUTOFTHEBLACK: capire e uscire dalla depressione

 

 

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *