fbpx

Alloro l’antibatterico che aiuta la digestione

L’alloro è un arbusto tipico della macchia mediterranea, rientra nella famiglia Lauraceae, ed è una pianta molto diffusa sia in cucina, per la preparazione di carni e arrosti, ma anche in erboristeria per le proprietà benefiche delle sue foglie con cui si preparano infusi e tisane.

Pianta sacra al dio Apollo e simbolo di sapienza, le sue foglie venivano usate in epoca greca e romana per incoronare i poeti, un’usanza arrivata sino ai nostri giorni, quando al termine degli studi universitari, le foglie di alloro vengono usate per realizzare una corona per lo studente laureato.

Le più note proprietà dell’alloro riguardano l’apparato digerente e i disturbi digestivi.

sanywell

La tisana di alloro, che si ottiene versando alcune foglie d’alloro secche in una tazza d’acqua bollente, per il suo potere antifermentativo e digestivo, allevia velocemente i dolori allo stomaco ridonando vigore e benessere all’organismo e contrastando la difficoltà digestiva.

I principi attivi contenuti nelle foglie del famoso arbusto mediterraneo sono limonene ed eugenolo che svolgono azione, oltre che digestiva, antisettica e antiossidante.

Ricche di sali minerali e vitamine, le foglie di alloro, favoriscono la salute degli occhi e quella del sistema nervoso.

La vitamina C presente nelle sue foglie, agisce come potente disinfettante naturale, infatti, tra i suoi numerosi usi, si ricorda come l’olio essenziale di alloro riesca a disinfettare da batteri e virus presenti in casa con poche gocce versate nel brucia-essenze.

L’acido laurico, infatti, è usato anche come repellente naturale contro i parassiti e gli insetti.

Dalle foglie di alloro si estraggono componenti presenti nei farmaci anti artrite, bronchite e dolori muscolari.

La pianta, infatti, favorisce la decongestione delle vie respiratorie e, inoltre, favorendo la sudorazione, aiuta nell’espulsione del catarro bronchiale e contrasta gli stati influenzali.

L’infuso di alloro può essere utilizzato anche per la salute e l’igiene del cavo orale, infatti, gargarismi e risciacqui aiutano a disinfettare la bocca e combattere l’alitosi.

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *