fbpx

Peperoni migliorano la vista e la linea

I peperoni, crudi o cotti, per antipasto o contorno, animano con i loro colori l’alimentazione estiva donando all’organismo l’apporto adeguato d’acqua, dato che ne contengono circa il 90%.

I peperoni non contengono molte calorie per ogni 100 gr di prodotto se ne contano appena 21 e quindi ben si propongono come piatto non solo rinfrescante ma anche adatto a chi segue una dieta alimentare.

Grazie alla presenza di fibre i peperoni riescono a donare una buona sazietà anche senza assumerne grandi porzioni.

La luteina e il carotene presenti nei peperoni agiscono beneficamente sulla salute degli occhi migliorandone vista e prevenendone problemi come la cataratta.

La presenza della luteolina, inoltre, rallenta l’invecchiamento delle cellule cerebrali favorendo la concentrazione.

La varietà dei peperoni consta di peperoni dolci e quelli piccanti, detti anche peperoncini, la pianta appartiene alla famiglia delle Solanacee ed è originaria del Sud America da dove fu importata nella seconda metà del Cinquecento.

Oggi il peperone entra a pieno titolo nella tradizione italiana che li consuma sia come antipasto ma anche come sughi per la pastasciutta.

La differenza tra la varietà di colore rosso e quella gialla è di consistenza, in particolare quelli gialli sono quelli più teneri e succosi, mentre quelli rossi, dal sapore più deciso, si adattano meglio a sughi e caponate.

Infine i peperoni verdi si prestano maggiormente alla conservazione e garantiscono un sapore più speziato e quindi ben si prestano alla mescolanza con altre verdure.

Fonte di vitamina C e quindi dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, i peperoni riescono ad abbassare il colesterolo cattivo.

Non solo, anche la pelle ne avrà vantaggio poiché sarà più forte ed elastica.

Per chi soffre di problemi di digestione si consiglia di privarli della buccia sbollentandoli appena e poi cucinarli a proprio piacimento.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/06/melanzana-per-drenare-e-depurare/

 

.

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *