fbpx

Mascherine non impediscono la respirazione. Lo studio

Le mascherine che portiamo ci fanno respirare peggio?

La questione si solleva in un clima di incertezza generalizzata per cui, tra i falsi miti da sfatare, rientra anche quello per cui i dispositivi di protezione, le mascherine, provocherebbero un accumulo di anidride carbonica.

La situazione specifica, è avvenuta in Florida, dove un gruppo di residenti, ha iniziato una protesta contro l’obbligo di indossare la mascherina.

Questa situazione ha comportato una ricerca specifica sull’influenza della mascherina sulla respirazione, anche in casi di disabilità polmonare, pubblicato poi sugli Annals of the American Thoracic Society.

Tra le risposte ricevute in merito alla questione delle mascherine ne era giunta anche una dalla Società Italiana dei Pediatri.

La Sip ribadiva, con la pubblicazione di un video, come le mascherine non comportassero alcuna alcalosi, ovvero una quantità maggiore di anidride carbonica nelle vie respiratorie, in quanto l’anidride carbonica che respira un bambino che indossa la mascherina è del tutto impercettibile.

Lo studio statunitense condotto dal dott.Michael Campos, pneumologo del Miami VA Medical Center e dell’Università di Miami Hospital and Clinics, si è concentrato sull’analisi dei problemi con i cambiamenti dei livelli di ossigeno o dei livelli di anidride carbonica in individui sani e in quelli con malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) prima e mentre si indossano le mascherine chirurgiche.

Tutti i partecipanti hanno indossato i dispositivi per 30 minuti e gli è stato detto di camminare per sei minuti mentre la portavano sul volto.

Ai partecipanti si è poi eseguita un’analisi del sangue mostrando come non risultassero differenze nei livelli di ossigeno o di anidride carbonica.

“Questi dati rilevano che lo scambio di gas non è influenzato in modo significativo dall’uso della maschera chirurgica, anche nei soggetti con grave insufficienza polmonare”, ha dichiarato Campos.

Altra argomentazione apportata all’utilizzo della mascherina è l’ipossia, ovvero, una mancanza di ossigeno.

Anche questa non è un’argomentazione scientificamente valida.

I soggetti che indossano la mascherina chirurgica per più ore al giorno non rischiano carenze d’ossigeno né morte per ipossia.

“È importante informare il pubblico che il disagio associato all’uso della maschera non dovrebbe portare a problemi di sicurezza non comprovati in quanto ciò potrebbe attenuare l’applicazione di una pratica che ha dimostrato di migliorare la salute pubblica”, hanno scritto gli autori della ricerca statunitense.

Leggi anche: https://www.salutebuongiorno.it/2020/05/mascherina-un-filtro-utile-contro-le-allergie/

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *