Il cane in spiaggia: consigli

Portare con sé il cane in spiaggia può essere un piacere, a patto che si rispettino piccole regole che preservino la salute del nostro amico.

Da un punto di vista normativo, in Italia, non esistono leggi in vigore che vietano di andare con il cane in spiaggia.

Le spiagge libere possono accogliere anche i nostri amici a quattro zampe, ciononostante, amministrazioni comunali e capitaneria di porto godono di un’autonomia normativa per cui è possibile che a livello locale, esistano normative specifiche che regolino l’ingresso del cane in spiaggia.

Esiste un piccolo numero di spiagge adibite all’ingresso dei cani, ma sono esigue, le cosiddette beach dog.

Se vogliamo portare il cane in spiaggia, dovremmo, nelle zone di passaggio, tenerlo al guinzaglio e portare con noi la museruola.

Necessario, inoltre, munirsi di sacchetti igienici come facciamo nelle zone urbane.

cane in spiaggia

Per quel che riguarda la salute del nostro cane in spiaggia, dovremmo essere al corrente del fatto che il cane ha bisogno di una zona d’ombra perché sopporta male il caldo, le alte temperature non lo aiutano a stare bene.

Avere a disposizione, allora, un ombrellone per evitargli colpi di calore, sindrome di cattiva regolamentazione termica del calore.

Pur non sudando, il cane in spiaggia ha bisogno di mantenere umida la mucosa.

Se fa troppo caldo il cane apre la bocca per fare entrare più aria possibile ma ciò non è sufficiente a mantenere una temperatura corporea costante, in questo modo vanno in sofferenza molti dei suoi organi, fino a creargli malori, in casi gravi, morte.

Per questa ragione, è necessario che bagni spesso le zampe, la testa e il muso con acqua fredda, anche se non ghiacciata.

Se la lingua cambia colore ed è evidentemente affaticato, andrebbe portato da un veterinario.

Le razze più a rischio sembrano essere cani con la canna nasale corta come bulldog e carlini.

cane in spiaggia

Esistono, inoltre, delle creme specifiche per cani che si possono applicare sulle zone più delicate ed esposte previo, sempre, parere del veterinario per evitare possibili reazioni allergiche.

Anche la sabbia che scotta rappresenta un problema per il cane in spiaggia.

Non dovrebbe scottarsi i polpastrelli e camminare, perlopiù, sul bagnasciuga.

Attenzione, infine alla salsedine.

Dopo la giornata trascorsa in spiaggia con noi, dovremmo avere cura di rimuovere sabbia e salsedine dal pelo, per evitare pruriti e dermatiti.

 

Leggi anche: Passeggiare in acqua: benefici

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *