fbpx

Alcol prima di dormire? Rischi insonnia e apnea notturna

Bere alcol prima di dormire non è una buona abitudine per conciliare il sonno.

L’alcol è un depressivo del sistema nervoso centrale che fa rallentare l’attività cerebrale. 

Ha effetti sedativi che possono indurre sensazioni di rilassamento e sonnolenza,  ma il consumo di alcol, soprattutto in eccesso, è stato collegato alla scarsa qualità e durata del sonno, così come scrive Sleep Foundation.

Le persone con disturbi da uso di alcol manifestano comunemente sintomi di insonnia.

La recente ricerca ha dimostrato che l’uso di alcol può esacerbare, inoltre, i sintomi dell’apnea notturna.

Eppure bere con moderazione è generalmente considerato addirittura conciliante col sonno, ma ogni individuo reagisce in modo diverso all’alcol, di conseguenza, l’impatto dell’alcol sul sonno dipende in gran parte dall’individuo.

Ciononostante è possibile stabilire una connessione tra insonnia e alcol.

L’insonnia, infatti, si manifesta nonostante l’opportunità e il desiderio di dormire e porta a un’eccessiva sonnolenza diurna e ad altri effetti negativi, dato che l’alcol può ridurre il sonno REM e causare disturbi del sonno.

L’ abitudine di bere alcol prima di dormire può portare le persone in un circolo vizioso che consiste nell’automedicazione con l’alcol per addormentarsi, consumare caffeina e altri stimolanti durante il giorno per rimanere svegli, e quindi usare l’alcol come sedativo per compensare gli effetti di questi stimolanti.

Consumare una quantità eccessiva di alcol in un breve periodo di tempo si traduce in un livello di alcol nel sangue dello 0,08% o superiore, e può essere particolarmente dannoso per la qualità del sonno.

Ciò è stato verificato sia negli uomini che nelle donne.

Tendenze simili sono state osservate anche in adolescenti e giovani adulti.

Nel dettaglio, i ricercatori hanno notato un legame tra l‘abuso di alcol a lungo termine e problemi di sonno cronici.

Le persone possono sviluppare una tolleranza all’alcol piuttosto rapidamente, portandole a bere più alcol prima di dormire.

Per ridurre il rischio di disturbi del sonno, si dovrebbe smettere di bere alcolici almeno 4 ore prima di andare a letto.

Oltre all’insonnia, dicevamo, esiste anche un legame tra alcol e l’insorgere di apnee notturne.

L’apnea notturna è un disturbo caratterizzato da una respirazione anormale e una temporanea perdita di respiro durante il sonno.

Queste interruzioni della respirazione possono a loro volta causare interruzioni del sonno e ridurre la qualità del sonno.

Le persone con apnea notturna sono anche inclini a russare rumorosamente.

Alcuni studi hanno suggerito che l’alcol contribuisce all’apnea notturna perché provoca il rilassamento dei muscoli della gola, che a sua volta crea maggiore resistenza durante la respirazione.

La relazione tra apnea notturna e alcol è stata studiata in modo piuttosto approfondito.

Il consenso generale basato su vari studi è che il consumo di alcol aumenta il rischio di apnea notturna del 25%.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *