fbpx

Fascite plantare come si presenta e come si cura

La fascite plantare è un disturbo che interessa il piede, si presenta con un dolore acuto al piede estendendosi anche al tallone fino alla punta delle dita.

Diffuso tra gli sportivi, corsa e salti soprattutto possono contribuire nell’insorgere di questo tipo di problema, la fascite plantare è un’infiammazione, che non va cronicizzata, al legamento arcuato, la fascia plantare appunto.

Questa zona del corpo presenta una scarsa elasticità, è una fascia resistente che unisce la zona plantare del calcagno con la base delle dita.

L’infiammazione va curata ai primi sintomi per evitare che si cronicizzi.

Il dolore al piede al risveglio è in genere il sintomo più comune, un dolore che ci costringe a zoppicare.

Il dolore tende ad affievolirsi durante le ore del giorno ma, al primo piccolo sforzo, una semplice camminata ad esempio, può farlo ricomparire in maniera energica.

Alcuni specifici fattori sono individuabili come fattori che facilitano l’insorgere della fascite plantare, tra questi il sovrappeso, uno sforzo fisico smodato o almeno non corrispondente alla preparazione fisica personale, alcuni difetti anatomici come il piede piatto, calzare scarpe poco adatte allo sforzo da sopportare; questi fattori fanno in modo che la fascia plantare si sovraccarichi, infiammandosi.

Perché il dolore si affievolisca è necessario riposare con un’interruzione dell’attività sportiva almeno finché non passi il dolore.

È anche probabile che il problema insorga a causa di un allenamento con posture scorrette, in questo caso è bene modificare le posizioni e svolgere gli esercizi con la dovuta attenzione.

Lo specialista cui ci rivolgiamo per risolvere la fascite plantare potrebbe consigliarci degli antinfiammatori.

Per i difetti anatomici, in questo caso, un plantare personalizzato potrebbe essere d’aiuto.

È un disturbo che nella maggioranza dei casi cronici viene curato con terapie fisiche e stretching, i casi più gravi richiedono un intervento di tipo chirurgico che allunghi la fascia plantare.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *