EU4Algae: la piattaforma europea pro alghe

Si chiama EU4Algae e sarà attiva entro l’estate.

È la piattaforma europea volta a implementare la produzione e il consumo di alghe perché si acceleri lo sviluppo industriale pro alghe.

EU4Algae nasce dall’esigenza di sviluppare l’abitudine di consumare le alghe, alimento presente sulla tavola da secoli, e molto apprezzato dalla cucina asiatica.

EU4Algae, quindi, come estensione della coltura di un prodotto già in trend di consumo in aumento in Europa, soprattutto nelle diete di tipo vegano e vegetariano.

Un recente documento pubblicato su Science Direct riporta il rapporto di mercato sui prodotti a base di alghe pubblicato di recente da Credence Research.

I dati della ricerca di mercato attestano un tasso di crescita annuale composto (CAGR) dei prodotti a base di alghe che dovrebbe superare il 5,2% con un valore di mercato di 44,6 miliardi di dollari entro il 2023. 

A causa della crescente domanda di microalghe, in particolare la Spirulina, per applicazioni nei cosmetici e nei coloranti naturali, si prevedeva che il CAGR del mercato globale della Spirulina fosse di circa il 10% con un valore stimato di 2000 milioni di dollari entro il 2026. 

EU4Algae

EU4Algae prende le mosse dal fatto che al di fuori del regno culinario, le alghe si sono trasformate in una materia prima di riferimento per applicazioni industriali sostenibili, come la plastica biodegradabile. 

“Inoltre, la loro produzione aiuta a migliorare la salute degli oceani riducendo l’anidride carbonica, il fosforo e l’azoto negli ecosistemi marini. Sono anche un vivaio e nascondiglio per molti animali marini, promuovendo la biodiversità sottomarina” scrive l’UE.

Tuttavia la diffusione in Europa della produzione e del consumo di alghe è lenta.

Insieme a CINEA e un consorzio (composto da EurA AG, EABA, Systemiq, Technopolis e s.Pro), la Commissione ecco che lancia EU4Algae.

Si tratta di un progetto triennale che accelererà la crescita della produzione di alghe.

La piattaforma sarà uno spazio unico per la collaborazione tra le parti interessate europee nel campo delle alghe, inclusi coltivatori di alghe, produttori, venditori, consumatori, sviluppatori di tecnologie, nonché organizzazioni di sostegno alle imprese, investitori, autorità pubbliche, mondo accademico, ricercatori e ONG. 

EU4Algae

Le microalghe sono coltura sottosfruttata per la produzione di alimenti dietetici.

La coltivazione delle microalghe non compete con la terra e le risorse necessarie per le colture tradizionali e ha una resa superiore rispetto alle colture terrestri.

L’alto contenuto proteico delle alghe ha mostrato un enorme potenziale per soddisfare le esigenze dietetiche di una popolazione in crescita.

Oltre ad essere una fonte di proteine, la presenza di vari componenti bioattivi nelle microalghe fornisce un ulteriore beneficio per la salute.

Uno dei gruppi di componenti bioattivi ampiamente studiati sono i pigmenti a causa delle loro proprietà anticancerogene, antiossidanti e antiipertensive. 

Rispetto a varie specie vegetali e floreali, le microalghe contengono quantità maggiori di pigmenti.

Le proteine ​​derivate da microalghe hanno profili completi di aminoacidi essenziali (EAA) e il loro contenuto proteico è superiore rispetto alle fonti convenzionali come carne, pollame e latticini.

 

Leggi anche: DHA il vegan integratore Omega3 di alghe

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *