Un buon comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino

I sistemi sociali e le connessioni tra gli individui svolgono un ruolo chiave nella salute animale e umana, e un buon comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino.

Questo è l’argomento di uno studio pubblicato su Frontiers in Microbiology sui macachi rhesus, Macaca mulatta.

L’organizzazione sociale è una caratteristica della transizione evolutiva e fondamento di molte popolazioni animali.

Anche l’uomo rientra nelle specie che vive in complessi gruppi sociali.

Una parte della ricerca scientifica contemporanea dedica a come il comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino, nel dettaglio, studia come la trasmissione sociale dei microrganismi possa influenzare la composizione del microbioma e le possibili conseguenze per l’idoneità dell’ospite.

comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino

Il microbioma intestinale dei mammiferi può modulare lo sviluppo dell’ospite, la digestione, la fisiologia, il metabolismo, l’immunità e il comportamento.

Esiste, dunque, una relazione tra microbioma e comportamento, poiché un buon comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino, la salute del microbioma intestinale, che poi a sua volta può influenzare il comportamento sociale.

“Ricerche recenti hanno dimostrato il ruolo che l’ambiente sociale dell’ospite può svolgere nel plasmare il microbioma di un individuo.

Ad esempio, in una popolazione di babbuini selvatici (Papio cynocephalus), l’appartenenza a un gruppo sociale è risultata essere il più forte predittore della composizione del microbioma intestinale, con individui che hanno interagito più frequentemente attraverso la toelettatura con comunità microbiche intestinali più simili” si scrive nella ricerca.

comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino

In particolare scimpanzé, lemuri e scimmie urlatrici, hanno anche dimostrato che diversi gruppi sociali all’interno di una specie hanno comunità microbiche intestinali distinte e che le interazioni sociali, come il grooming (pulizia del mantello altrui e proprio N.D.R.) promuovono la somiglianza microbica tra gli individui.

Il comportamento sociale favorisce la salute dell’intestino, in quanto la composizione del microbioma può quindi avere implicazioni per la salute e la forma fisica dell’ospite, poiché la trasmissione di microrganismi benefici e un microbioma più diversificato possono aiutare a proteggere gli ospiti dai patogeni e migliorare la stabilità e la resilienza del microbioma intestinale.

Nel dettaglio la ricerca ha stabilito che in questa popolazione di macachi, lo streptococco è risultato essere più abbondante negli individui meno socievoli.

In particolare, alcuni membri di questo genere possono essere patogeni opportunisti producendo citochine pro-infiammatorie, e quindi una maggiore abbondanza di Streptococco negli animali meno socievoli può essere correlata a minore integrazione sociale, maggiore stress sociale e condizioni di salute peggiori.

Leggi anche: Wellness e benessere mentale

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *