fbpx

Turismo responsabile: un viaggio etico.

Viaggiare insieme per una condivisione profonda di territori e culture.

Un viaggio e un progetto sociale che camminano all’unisono per scoprire insieme “mondi lontanissimi”.

Il turismo responsabile è una realtà pluriventennale che abbraccia i popoli del Sud del mondo e che nasce da un intento etico, rispettare l’ambiente e le culture che visitiamo, nel rispetto delle altrui storia e tradizioni.

Questo lo spirito: ne parliamo con Luigi Saccenti della Cooperativa e agenzia di viaggi responsabili e ecosostenibili “ViaggieMiraggi” con sede a Pozzuoli oltre che Milano e Padova.

“Facciamo progetti, all’interno del viaggio, che è sì un prodotto turistico ma che presenta   componenti legati all’esperienza, il racconto di quel luogo e di quelle persone che lì vivono”.

Viaggi esperienziali che comprendono escursioni sui territori, che spesso significa scegliere mezzi pubblici e camminate perché parliamo di viaggi a impatto zero, ma anche viaggi “a cuore aperto” laddove viaggiare eticamente significa stabilire un legame reale con persone e territori nuovi.

Territori da esplorare, territori da visitare.

La cooperativa ViaggieMiraggi è attiva anche sui territori nostrani in particolare esplora alcune realtà “a rischio”, come Rione Sanità, Quartieri Spagnoli.

Vivere allora questi territori in un’ottica di presenziare, di “esserci” in qualche modo anche come forma di contrasto sociale.

Viaggiare in questi luoghi significa anche supportare l’economia di queste realtà, il viaggio di per sé non mira, come dice Saccenti “al benessere di pochi” ma estende una rete di guadagno uniforme.

Viaggiare eticamente e farlo anche con le scuole, questo un progetto d’istruzione e d’esperienza di cui ci continua a parlare Luigi Saccenti, socio e presidente d’amministrazione della Cooperativa ViaggieMiraggi: “Lavoriamo su progetti che non sono gite scolastiche ma veri viaggi d’istruzione. Come ad esempio il progetto della Legalità per cui visitiamo, grazie all’aiuto delle istituzioni e associazioni che adesso presenziano, i beni confiscati alla camorra”

Un lavoro sinergico, dunque, volto a recuperare il volto lecito di interi territori, come Casal di Principe e Castelvolturno che si adoperano alla realizzazione di progetti di utilità sociale ed economica.

Tutte le info sulle mete e le visite al sito www.viaggiemiraggi.org

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *