fbpx

Spezie antibiotici naturali a sostegno dell’ecologia

Le spezie si avvalgono di una serie di attività terapeutiche per l’organismo, antisettici e antibiotici naturali, hanno la capacità di contrastare batteri pericolosi per l’intestino.

Il coriandolo risulta efficace per i disturbi gastrointestinali, ad esempio, o ancora la curcuma funziona come disinfettante naturale per l’organismo.

Una recente ricerca, però, ha evidenziato anche una loro azione “ecologica” in quanto sarebbero in grado di ridurre le emissioni di gas serra.

sponsor salutebuongiorno

La ricerca è stata condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Newcastle (UK) e ha sottolineato, oltre i benefici per la salute dell’uomo, anche un buon miglioramento del processo di digestione animale, contribuendo, in questo modo, a ridurre il gas metano che essi producono.

Lo studio ha eseguito un’analisi su un modello di stomaco di pecora con effetti riscontrabili anche sugli altri ruminanti come le mucche, e ha evidenziato come si ottenesse una riduzione dell’emissione di metano fino a una percentuale del 40%.

Le spezie di cui ha usufruito lo studio sono complessivamente cinque, di queste, il coriandolo, il cumino e la curcuma hanno rilevato effetti di notevole interesse scientifico sulle emissioni di metano, nel dettaglio, il coriandolo ha ottenuto un calo sull’emissione di gas del 40%, seguito dalla curcuma 30% e il cumino con il 22%.

Il gas metano, che contribuisce alla diffusione del gas serra, è prodotto in maniera significativa dagli allevamenti e questo studio inglese suggerisce come migliorare, con l’uso delle spezie, attività antibatterica e processo digestivo negli animali.

La ricerca desta un notevole interesse anche in vista del divieto di somministrazione di antibiotici agli animali d’allevamento.

Le spezie potrebbero rappresentare un’alternativa naturale senza effetti collaterali e una soluzione sana ed ecologica per agire sulla riduzione del gas serra da allevamenti.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Asian- Australasian Journal of Animal Sciences”.

Potrebbe anche interessarti: https://www.salutebuongiorno.it/2019/11/epatite-e-curcuma-attenzione-agli-integratori/

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *