fbpx

I segreti della frutta secca: prugne, albicocche e fichi

La frutta secca, come prugne, fichi, albicocche e datteri, è il risultato di un processo di essiccazione che non altera il loro valore nutritivo e anzi, aumenta la concentrazione di vitamina A.

La vitamina A, o retinolo, ha una rilevante importanza per la nostra vista dato che insieme ai suoi precursori, i carotenoidi, fa parte dei componenti della rodopsina, la sostanza presente sulla retina che dà all’occhio la sensibilità alla luce.

La vitamina A è inoltre utile per lo sviluppo delle ossa e per il loro rafforzamento nel tempo, per la crescita dei denti e si distingue per la sua capacità di fornire una risposta immunitaria al nostro organismo.

Recenti scoperte scientifiche hanno dimostrato che la vitamina A ha anche capacità antitumorali.

Frutta secca, allora, come soluzione salutare per uno spuntino che non rinunci al gusto, soprattutto per i più golosi.

Perché proprio lo spuntino?

La frutta secca, al pari di quella fresca, si addice a uno spuntino lontano dal pasto principale, perché in questo modo non appesantisce la digestione.

Variano ovviamente le grandezze delle porzioni.

Se mangiamo una porzione media di frutta di 150 gr potremmo sostituirla, per acquisire le stesse proprietà e calorie una quantità pari tre frutti secchi, cioè un 30-40 grammi.

La frutta essiccata è particolarmente adatta agli spuntini di chi pratica attività sportiva dato che, a differenza della fresca, risulta più digeribile senza ostacolare o appesantire un corpo durante l’impegno sportivo.

Bene, quindi, la frutta secca e una buona spremuta per reidratarsi.

A proposito di acqua, l’eliminazione di questa dalla frutta essiccata non determina alcuna alterazione del frutto sul contenuto di Sali minerali e fibre.

Ricca di potassio, calcio, manganese, fosforo, la frutta secca rimane ricca di fibre, ottime contro la stipsi o per chi soffre di colon irritabile.

Sciogliamo l’ultimo dubbio.

La frutta secca fa ingrassare?

Dipende dalle dosi.

Si consiglia, per non alterare il peso corporeo, di assumerne porzioni pari ai 30 grammi e lontane dai pasti.

Leggi anche: Frutta secca lo snack healthy ricco di gusto

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *