fbpx

Lockdown e sonno negli adolescenti

Il lockdown imposto dalla pandemia di Covid -19 e la conseguente chiusura delle strutture scolastiche ha modificato gli orari delle lezioni scolastiche.

Questo quadro generale ha apportato dei cambiamenti al programma di sonno degli adolescenti durante la pandemia.

Si parla, infatti, di due ore di sonno guadagnate per questa categoria di persone.

lockdown

Ciò che ne consegue è un miglioramento del sonno negli adolescenti.

A parlarne è una ricerca, “L’impatto della chiusura scolastica correlata a COVID-19  sul sonno negli adolescenti: un esperimento naturale” pubblicato dalla rivista scientifica Sleep Medicine.

È stato condotto uno studio durante il  lockdown  tra il 28 aprile e il 3 giugno 2020 su 45 adolescenti utilizzando interviste telefoniche semistrutturate individuali.

L “esperimento naturale” causato dalla chiusura delle scuole a causa della pandemia COVID-19 ha portato a un turno di 2 ore nel sonno  degli adolescenti in via di sviluppo durante il lockdown, una durata del sonno più lunga, una migliore qualità del sonno e una minore sonnolenza diurna rispetto a quelli sperimentati sotto il regolare orario scolastico.

lockdown

I risultati ottenuti sono coerenti con studi precedenti che dimostrano che ritardare l’orario di inizio delle scuole superiori potrebbe essere un modo efficace per prolungare la durata del sonno.

Il lockdown , infatti, ha dimostrato che dormire un paio d’ore in più può migliorare la qualità del sonno, ridurre la sonnolenza diurna e ridurre lo stress degli adolescenti durante l’anno scolastico.

Poiché molti paesi cercano modi per ridurre il numero di interazioni tra gli studenti nelle scuole in modo che il distanziamento fisico sia fattibile, la biologia del sonno ritardato degli adolescenti potrebbe offrire una soluzione conveniente.

Ad esempio, i tempi di arrivo ritardando l’orario di inizio della scuola per gli adolescenti più grandi rispetto agli adolescenti più giovani potrebbero ridurre il numero totale di studenti che frequentano la scuola allo stesso tempo, così come riflettono gli autori della ricerca.

Questa strategia offrirebbe un mezzo pratico per ridurre la densità scolastica e il numero di interazioni tra gli studenti che sono necessarie per ridurre la potenziale trasmissione di COVID-19 nelle scuole.

 

Leggi anche: Alcool e adolescenti nella fase post lockdown

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *