Smartphone e sonno in pandemia

La relazione che intercorre tra smartphone e sonno in pandemia è oggetto di studio.

L’utilizzo dello smartphone ha influenzato la qualità del sonno degli italiani durante la pandemia.

In particolare nei periodi di lockdown, così come ha rilevato uno studio pubblicato dal Journal of Sleep Research , le persone hanno incrementato l’utilizzo dello smartphone prima di andare a dormire e hanno così influenzato la qualità del loro riposo.

sentobene gocce auricolari

Le persone intervistate andavano a letto più tardi e si svegliavano più tardi, trascorrendo più tempo a letto, ma, paradossalmente, riportando anche una qualità del sonno inferiore.

 L’aumento delle difficoltà del sonno è stato più forte per le persone con un livello più alto di depressione, ansia e sintomatologia da stress, e associato alla sensazione di allungamento del tempo.

Lo studio sulla relazione tra smartphone e sonno ha coinvolto 1.310 persone residenti nel territorio italiano (M età = 23,91 ± 3,60 anni, 880 donne, 501 lavoratori, 809 studenti universitari), che hanno completato un sondaggio online lo scorso anno.

Nel sondaggio, è stato chiesto ai partecipanti di pensare al loro uso dei media digitali prima di andare a letto.

Il loro modello di sonno e la loro esperienza soggettiva del tempo nella settimana precedente (17-23 marzo, che è stata la seconda settimana del blocco) e fino alla prima settimana di febbraio (3-10 febbraio, prima di qualsiasi restrizione in qualsiasi area italiana). 

smartphone e sonno

Le misure di isolamento domiciliare adottate per ridurre la pressione sui sistemi sanitari italiani, hanno comunque influenzato la salute fisica e mentale delle persone.

Il confinamento in casa può ridurre il livello di attività fisica e l’esposizione alla luce del giorno e aumentare il livello di stress dovuto all’isolamento sociale (ad esempio, evitare il contatto sociale con la famiglia e gli amici) e l’impossibilità di impegnarsi in attività soddisfacenti.

Questi cambiamenti possono influire sul ritmo del flusso del tempo, disturbare il sonno notturno e aumentare il rischio di problemi di salute mentale.

Lo studio ha mostrato che i giovani adulti in un intervallo tra i 18 e i 35 anni tendono ad avere un’alta e crescente prevalenza di problemi di sonno, e i giovani adulti facendo ampio uso di social media, hanno dimostrato il legame tra smartphone e sonno, su come l’uso dei dispositivi digitali prima di dormire peggiorasse la qualità del sonno.

Le piattaforme di social media offrono senz’altro un’opportunità per migliorare l’isolamento sociale, ma l’uso dei media digitali prima di coricarsi potrebbe avere un effetto ampiamente negativo sui risultati del sonno dei giovani adulti.

smartphone e sonno

L’uso dei media digitali prima di andare a letto, il rapporto tra smartphone e sonno, esprime un’esperienza soggettiva del tempo che passa e nella loro relazione con la depressione, l’ansia e i livelli di stress. 

“È stato realizzato un questionario ad hoc per valutare la capacità dei partecipanti di tenere traccia del tempo fisico ( Time Track , tre item che fanno riferimento alle difficoltà nel ricordare il giorno della settimana, nel ricordare il giorno del mese e nel tenere traccia dell’ora del giorno ), per valutare l’esperienza soggettiva del tempo ( Time Expansion , due item che si riferiscono alla sensazione di noia e che il tempo scorre lentamente) e per valutare la regolarità delle routine quotidiane ( Schedule , due item che si riferiscono al mantenimento di routine come orari dei pasti e ora di andare a dormire)”.

Dallo studio si deduce che non solo smartphone e sonno sono in relazione tra loro ma anche che, con la perdita della qualità del sonno peggiori la percezione del tempo, con conseguente difficoltà di ricordare.

 

 

Leggi anche: La Scienza vieta ai calciatori smartphone e Playstation

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *