Gossip e comportamento sociale

Il gossip come strumento di comunicazione e socialità.

Oltre la sua cattiva reputazione, il gossip, sembra, stando ad attuali ricerche in campo psico-sociale, un utile strumento di comunicazione che aiuterebbe anche il processo di apprendimento.

Una ricerca pubblicata sulla rivista Pnas suggerisci i vantaggi evolutivi del gossip e un mezzo per mantenere le norme sociali.

sponsor salutebuongiorno

“Tendiamo a pensare ai pettegolezzi solo come denigratori e consideriamo le persone che spettegolano spesso come negative”, afferma l’autore dello studio Eshin Jolly, neuroscienziato sociale al Dartmouth College nel New Hampshire.

“Ma il gossip è uno strumento che abbiamo sviluppato. Non è necessariamente una cosa negativa per le persone scambiarsi pettegolezzi perché può essere utile“.

Per indagare sui benefici del pettegolezzo, Jolly e il suo collega di scienze del cervello di Dartmouth, Luke Chang, hanno invitato dei volontari a giocare a un gioco online progettato per testare la tensione tra comportamento egoistico e cooperativo.

L’esperimento, chiamato gioco dei beni pubblici, è un caposaldo della psicologia.

gossip

Nei giochi in cui uno dei giocatori a cui era consentito comunicare non poteva vedere direttamente il comportamento degli altri, era più probabile che la coppia spettegolasse su quel comportamento.

I gruppi che spettegolavano facevano più soldi in generale.

“Conosciamo le funzioni del gossip da altri studi, ma ora li mettono tutti in un paradigma“, afferma Martinescu, che studia gossip presso la Libera Università di Amsterdam, nei Paesi Bassi.

“Il pettegolezzo ha una pessima reputazione nel pubblico in generale, mentre nelle scienze sociali, il pettegolezzo ha una stampa estremamente buona in questo momento come comportamento guidato verso la socialità”, afferma Rudnicki.

“Bisogna essere consapevoli dell’infinito potenziale degli umani di prevaricare l’un l’altro e di spettegolare su cose che non saranno utili”, aggiunge, mentre osserva che “forse dovremmo enfatizzare un po’ di più gli aspetti positivi”.

 

Leggi anche: Isolamento sociale: il piano anti-solitudine

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *