Benessere animale e sostenibilità

Considerare il benessere animale un obiettivo della catena produttiva perché ne derivi un modello di produzione sostenibile.

Il report pubblicato da Acquatic Life Institute scrive come un livello scarso del benessere animale si leghi inevitabilmente a un indebolimento del loro sistema immunitario con conseguente utilizzo ingente di antibiotici oltre che una maggiore diffusione di malattie.

Nel dettaglio, il report si sofferma sugli animali acquatici del quale il benessere è compromesso da un sistema produttivo che non ne tiene in considerazione l’importanza.

L’approccio del report presentato mira a un energetico cambio perché si avvii con forza ciò che definiamo uno sviluppo sostenibile.

Prendere in considerazione il benessere animale, in particolare di quelli acquatici, si traduce in una concezione ecosostenibile della pesca e dell’acquacoltura.

benessere animale

Tenendo in conto anche la crescita della domanda dei prodotti ittici, è condivisibile la previsione che se non si attua un cambiamento sostenibile, l’ecosistema ne risulterà fortemente danneggiato.

L’obiettivo del report presentato è volto a dimostrare come il benessere animale sia strettamente legato a questioni di tipo etico e ambientale oltre che sociale.

Garantire il benessere animale significa, secondo gli autori, inserire gli animali come parte integrante di un sistema che, invece, li esclude da una concezione sostenibile di produttività.

 

Leggi anche: Rifiuti marini quali soluzioni?

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *