Società e Cultura

Molestie sessuali sul lavoro: un problema sommerso

Le molestie sessuali sul lavoro hanno ripercussioni profonde sulla psiche delle donne, e se è vero che nella maggioranza dei casi si preferisce lasciare il posto di lavoro, d’altro canto è pur vero che la percezione del problema rimane offuscata dalla sua poca visibilità.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce molestia e violenza sessuale un qualsiasi tentativo di ottenere atto sessuale contro la volontà della persona attraverso coercizione, incluso stupro, tentato stupro e molestia.

Un atteggiamento violento e coercitivo crea un ambiente di lavoro intimidatorio, ostile o offensivo, interferisce con le prestazioni lavorative o influisce sull’occupazione di un individuo.

sponsor salutebuongiorno

molestie sessuali sul lavoro

Le donne che subiscono molestie sessuali sul lavoro raramente presentano reclami o riferiscono le loro esperienze ai loro supervisori, è più probabile che queste lascino il lavoro proprio a causa delle molestie.

A evidenziare lo stato di salute dei luoghi di lavoro è un’indagine svolta in Islanda e pubblicata dalla rivista Lancet.

La ricerca evidenzia come essere sottoposti a molestie sessuali sul lavoro sia stato associato a una diminuzione della fiducia in sé stessi e a un aumento di stress, affaticamento, problemi di sonno, ansia, depressione e ideazione suicidaria.

molestie sessuali sul lavoro

Nonostante questi effetti negativi segnalati, le molestie e la violenza sessuali sul posto di lavoro sono state poco studiate in tutto il mondo.

Lo studio mostra come la prevalenza globale segnalata di molestie sessuali sul lavoro tra le donne vari notevolmente tra gli studi, con un range compreso tra l’11 e il 72%, e l’evidenza accumulata suggerisce che i tassi potrebbero differire in base al settore di lavoro.

“È stata documentata un’elevata prevalenza tra le lavoratrici sociali e sanitarie (51-69%), giornalisti (57%), e le donne che lavorano nel settore della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica (STEM) (46%)”.

Anche le molestie sessuali e la violenza nell’ambiente accademico sono comuni: il 22-47% delle studentesse laureate riferisce di essere state molestate sessualmente da un membro della facoltà e il 34-58% da un altro studente.

molestie sessuali sul lavoro

Complessivamente si scrive nello studio pubblicato da Lancet, 5291 (33,5%) su 15 799 donne sono state esposte a molestie o violenze sessuali sul posto di lavoro, con 1178 (7,5%) su 15 799 donne che hanno subito tale trattamento nel loro attuale posto di lavoro.

molestie sessuali sul lavoro

In Italia i dati non rassicurano.

Fondazione libellula ha pubblicato una survey su lavoro, equità e inclusione (scarica qui).

L’indagine ha coinvolto più di 4.300 lavoratrici e libere professioniste italiane.

Di queste il 55% dichiara di aver subito discriminazioni e molestie sessuali sul lavoro.

Provocazioni e commenti, ancora il 22% riferisce di aver avuto contatti fisici indesiderati.

I complimenti espliciti non richiesti né graditi riguardano il 53% delle intervistate.

Leggi anche: Rapporti di lavoro: l’importanza della rete

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *