MedicinaSocietà e Cultura

Presidi sanitari gratuiti

Una vera e propria rete di presidi sanitari gratuiti, che si costituisce di ambulatori e farmacie di strada, ma anche visite specialistiche, che prende vita in tutto lo Stivale grazie ad associazioni di volontari che erogano servizi sanitari, e fanno fronte alla povertà sanitaria.

A Roma i presidi sanitari gratuiti si rivolgono a una popolazione di circa 2000 bambini, e sono organizzati dall’Istituto di Medicina Solidale: 40 medici volontari, due ostetriche e una mediatrice culturale che offrono servizi sanitari nella vasta periferia romana.

I presidi sanitari gratuiti sono un esempio concreto di medicina sociale.

Questi presidi sanitari gratuiti prendono vita a Novara, nel dettaglio a Borgomanero, grazie all’ambulatorio Auser, dove primari adesso in pensione, eseguono gratuitamente visite specialistiche a persone indigenti e immigrati.

Non solo.

presidi sanitari gratuiti

L’equipe offre un supporto psicologico e infermieristico, analisi ecografiche come ecografie, ecodoppler, Ecg holter.

Sono attivi, grazie a Emergency, presidi sanitari gratuiti dal 2006 nel meridione d’Italia, è il Programma Italia Emergency presente da Palermo a Napoli.

A Napoli, i presidi sanitari gratuiti sono disponibili nel quartiere Materdei dentro l’Ex Opg Occupato.

presidi sanitari gratuiti

Tutte queste realtà, che rappresentano comunque solo una parte del lavoro di sanità solidale attivo nel Paese, denunciano un’emergenza in atto.

E se è vero che si tratta di un’attualità d’eccellenze sociali, è pur vero che il diritto alla salute non andrebbe delegato al volontariato.

Il SSN dovrebbe formulare nuovi modelli di accessibilità alle cure e quello che è in atto è un modello solidale che non può coprire le esigenze di un Paese intero.

Insediamenti urbani spontanei, occupazioni e baraccopoli indicano uno stato di profonda indigenza e difficoltà, persone che chiedono aiuto.

 Leggi anche: Introduzione all’infermiere di famiglia e nuovo patto per la salute

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *