Società e CulturaVivere Meglio

Lo stile alimentare italiano: l’indagine Coop

È la Coop a fotografare lo stile alimentare italiano per l’anno appena trascorso.

Sensibilità verso lo smaltimento dei rifiuti, packaging eco e alimenti no frills (a basso costo) sembrano essere i tratti caratterizzanti dello stile alimentare italiano.

E se i prezzi aumentano, le cibarie e lo stile alimentare italiano sembrano diventare un fortino da difendere.

Da questi presupposti culturali muove l’economia alimentare, e nonostante la nota spinta dei prezzi, i volumi di vendita hanno tenuto (+7,8% primo semestre 2022 vs 2019), “complice la calda e lunga estate italiana, il ritorno del turismo straniero e la capacità della distribuzione moderna di imporsi sugli altri canali di vendita specializzati” scrive il report Coop.

La spending review degli italiani in modo anche sorprendente risulta attiva su altri comparti per la prima volta da decenni e non tocca il cibo.

Sono 24 milioni e mezzo gli italiani che nonostante l’aumento dei prezzi non sono disposti a scendere a compromessi nelle loro scelte alimentari e nei prossimi mesi prevedono di diminuire la quantità ma non la qualità del loro cibo.

stile alimentare italiano

Ritorna anche il cooking time sperimentato in lockdown; si passa più tempo nella preparazione dei pasti e ci si impegna a sperimentare nuovi piatti.

Ma forse la maggiore evidenza del nuovo valore assegnato al cibo dagli italiani è il sorprendente mancato ricorso ad un netto downgrading degli acquisti (-0,1% di effetto mix negativo nel primo semestre) che invece è stata la prima risposta alle difficoltà nelle precedenti crisi economiche.

stile alimentare italiano

L’italianità e la sostenibilità sono gli elementi imprescindibili che erodono mercato a altre caratteristiche in passato maggiormente ricercate.

Così compaiono meno sulle tavole i cibi etnici, le varie tipologie di senza (senza glutine, senza etc), i cibi pronti e anche il bio pare subire una battuta d’arresto.

Lo stile alimentare italiano si spoglia del biologico, mercato che diminuisce del 38%.

Leggi anche: Disparità economica e coesione sociale

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *