fbpx

Frutti di bosco: regolano la pressione

I frutti di bosco contengono livelli elevati di flavonoidi che potrebbero influenzare la pressione arteriosa, abbassandola.

Esiste, infatti, un’associazione positiva tra flavonoidi e pressione arteriosa così come conferma uno studio tedesco pubblicato dalla rivista scientifica Nutrition Foundation of Italy.

“Il dato interessante, suggeriscono gli autori, è che l’associazione positiva osservata tra flavonoidi e pressione arteriosa è spiegata per circa il 12% (nel caso dei frutti di bosco) e fino al 15% (nel caso del vino rosso) dalle caratteristiche del microbiota intestinale dei partecipanti allo studio”.

eCommerce Farmad

Oltre ai frutti di bosco, infatti, anche il vino rosso, ricco di flavonoidi aiuterebbe a ristabilire parametri equilibrati di pressione arteriosa.

frutti di bosco

I flavonoidi sono pigmenti naturalmente presenti in alimenti come frutti di bosco, mele, tè, vino e cioccolato fondente.

Capaci di interagire con il microbiota intestinale, influenzano la crescita di specifici ceppi, e vengono trasformati in metaboliti che potrebbero essere responsabili di una parte degli effetti di queste molecole sull’organismo.

“Lo confermano i risultati di uno studio tedesco condotto su 904 adulti sani, di età compresa tra 25 e 82 anni, nel quale ai livelli di assunzione più elevati di cibi ricchi in flavonoidi, tra cui frutti di bosco e vino rosso, corrispondevano valori della pressione sistolica significativamente inferiori e una maggiore diversità del microbiota intestinale (una caratteristica considerata favorevole) rispetto consumi più bassi”.

In particolare, lo studio tedesco ha rilevato come il consumo giornaliero di 1,6 porzioni di frutti di bosco, così come l’assunzione settimanale di 2,8 bicchieri di vino rosso (alimenti notoriamente ricchi in flavonoidi e in particolare di antociani), si associasse sia a livelli di pressione sistolica più bassi rispettivamente di 4,1 mm Hg e 3,7 mm Hg e sia a una maggiore diversità microbica.

frutti di bosco

I livelli di apporto più elevati di flavonoidi da frutti rossi, pere e mele è stata rilevata una minore abbondanza di Parabacteroides, la cui presenza correla in genere con valori pressori significativamente più elevati.

frutti di bosco

“Queste osservazioni- spiegano gli autori-  in base alle quali l’associazione protettiva evidenziata in diversi studi tra assunzione di alimenti ricchi in flavonoidi e pressione sanguigna sarebbe in parte spiegata anche dalle caratteristiche delle comunità microbiche che popolano l’intestino (che possono a loro volta essere modulate dalla dieta) e dal loro ruolo nel metabolismo dei flavonoidi, suggeriscono quindi che una parte, forse rilevante, delle interazioni tra alimenti e salute sia mediata dalla struttura e dagli effetti metabolici del microbiota intestinale”.

 

Leggi anche: Frutti di bosco: perché mangiarli?

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *