fbpx

Camminata e corsa: le differenze

La camminata veloce o la corsa?

La scelta è individuale e dipende dall’obiettivo che ci siamo prefissati o da alcune e specifiche esigenze fisiche.

La differenza fondamentale sta nel ritmo da sostenere.

eCommerce Farmad

La camminata veloce, infatti, prevede un ritmo tra i 5 e i 6,5 km all’ora, con una frequenza cardiaca aumentata che ci permette di bruciare un numero maggiore di calorie se confrontato alla camminata abituale e non veloce.

camminata

A differenza del footing o jogging che è una corsa leggera, camminare è più lento dato che il footing raggiunge una velocità di 7,0 o 8,5 km/h.

Se si supera questa velocità allora parliamo di corsa vera e propria.

È la corsa, però, che, secondo la ricerca scientifica contemporanea, apporta più benefici all’organismo, almeno se paragonata al camminare, perché ha effetti immediati.

Soli 5 minuti di corsa, infatti, provocano gli stessi benefici di 15 minuti di camminata veloce.

Ancora, due ore di corsa alla settimana permettono una buona perdita di peso e conseguente perdita del grasso corporeo, abbassano i livelli di trigliceridi nel sangue e giovano al cuore e alla regolazione del ritmo cardiaco.

camminata

I benefici maggiori si riscontrano per la salute cardiovascolare e in più, chi corre regolarmente aumenterebbe le aspettative di vita con una media di 3,8 anni in più.

I problemi per la corsa si rilevano circa l’insorgere di tendiniti, fascite tibiale o plantare, insomma lesioni.

È più probabile incorrere in piccoli infortuni correndo rispetto alla camminata, ciò si addebita ad un impatto maggiore sul terreno.

È comunque utile ribadire che fare attività fisica all’aperto, che sia la camminata veloce, il footing o la corsa, dovrebbe rientrare nella nostra routine.

Leggi anche: Tennis: la racchetta salvavita

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *