Lattuga: proprietà e benefici

La lattuga appartiene alla famiglia botanica delle Asteraceae.

Della lattuga conosciamo diverse varietà, tra le quali le più popolari risultano la capitata (es. Iceberg), la longifolia (es. Romana) e la crispa (es. Lollo), che differiscono per la forma del cespo (rotondo o allungato) e per il colore (verde o tendente al rossiccio) e la forma (lisca o arricciata) delle foglie.

Tra le verdure più consumate a livello globale, viene coltivata principalmente in Europa e negli Usa.

eCommerce Farmad

Può essere cucinata al vapore o bollita, anche se lievemente, ma generalmente viene consumata cruda, condita con olio, sale e limone.

lattuga

“Dal punto di vista nutrizionale, le foglie di lattuga forniscono acqua, fibra, minerali, soprattutto potassio, e vitamine idrosolubili tra cui folati (soprattutto la romana) e vitamina C.

Da segnalare il contenuto di composti bioattivi ad azione antiossidante, variabile in base alle cultivar: le varietà a foglia verde (es. Iceberg), apportano acidi fenolici principalmente, come l’acido caffeico e l’acido clorogenico, quelle a foglia rossa (es. Lollo rossa), contengono una maggiore quantità di flavonoidi, soprattutto campferolo, quercetina e antocianine, responsabili della colorazione delle foglie”, così come ci descrive in una scheda informativa la rivista di nutrizione Nutrition Foundation of Italy.

Ricerche sui componenti minori della lattuga ne hanno dimostrato effetti nel controllo della colesterolemia, nel miglioramento della sensibilità delle cellule all’insulina e nella modulazione dell’infiammazione sistemica.

lattuga

Il metodo di preparazione può influenzare molto sia il contenuto che la biodisponibilità di alcuni nutrienti della lattuga.

Ad esempio, una lessatura prolungata riduce drasticamente le vitamine idrosolubili, mentre il limone, usato come condimento, aumenta la biodisponibilità del ferro nelle foglie, migliorandone l’assorbimento intestinale. Inoltre, l’olio d’oliva favorisce l’assorbimento dei carotenoidi.

Una curiosità: nel 2014, la lattuga è stato il primo ortaggio ad essere coltivato e consumato nello spazio, grazie all’uso di una camera di crescita vegetale sulla Stazione Spaziale Internazionale.

 

 

 Leggi anche: Radicchio rosso per purificare il fegato

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *